Futuro dell’ortofrutta italiana: ne parlano i Protagonisti dell’Ortofrutta Italiana.

Inchiesta sul futuro dell’ortofrutta italiana realizzata dalla nostra redazione interpellando imprenditori e manager che dal 2012 al 2020 sono stati insigniti del riconoscimento di Protagonisti dell’Ortofrutta Italiana. Abbiamo raccolto la loro opinione sui freni che si frappongono allo sviluppo del settore, sulle opportunità da cogliere e sulle prospettive da qui a 5 anni. Le precedenti puntate sono andate online il 15, il 16, il 19, il 20, il 21, il 26 e il 29 aprile. L’inchiesta completa – 65 interventi, l’analisi delle loro risposte, una conclusione ragionata – viene pubblicata sull’Annuario 2021 di Protagonisti dell’Ortofrutta Italiana, in distribuzione da questa settimana. (a.f.)

Antonio Giaccio / presidente OP Giaccio Frutta

I freni allo sviluppo. Un primo ostacolo allo sviluppo del settore dell’ortofrutta è la frammentazione delle aziende agricole; la mancanza di aggregazione dell’offerta non permette di avere il necessario potere contrattuale. In secondo luogo, abbiamo una politica troppo distante dalle aziende, frammentaria, priva di un progetto a lungo termine, che possa avere tra gli obiettivi quello di snellire la burocrazia ed investire nella formazione di personale qualificato per l’agricoltura.Le opportunità da cogliere. Il comparto dell’ortofrutta può ancora dare molto, ci sono tante opportunità ancora da cogliere, una su tutte è la valorizzazione dei prodotti a marchio IGP e DOP, di cui l’Italia è leader nel mondo. Un’altra opportunità è data dalla crescente capacità di analisi dei big-data: se si facesse una buona raccolta di dati a livello nazionale ed europeo, in modo da avere un database sulle produzioni e i relativi periodi di maturazione, si potrebbero fare delle stime, evitando le sovrapproduzioni. Una nicchia che può crescere e decollare diventando una risorsa per le aziende di produzione è senza dubbio l’e-commerce. Prospettive da qui a 5 anni.  Quello dell’agricoltura è un settore che può solo migliorare. Sicuramente il 2020 non è stato un anno dei più semplici, anzi ha avuto un impatto devastante su molte aziende, ma come si dice “mater artium necessitas”, la necessità aguzza l’ingegno. Dobbiamo guardare al futuro con fiducia. Le prospettive dipendono da una maggiore visibilità e valorizzazione della produzione ortofrutticola italiana all’interno e a livello internazionale.

Read More

Futuro Sostenibile

Nella prima intervista da quando è presidente esecutivo di Esselunga, Marina Caprotti – figlia di Bernardo, fondatore dell’insegna – ha scelto il reparto ortofrutta per la foto di rito. Davanti alle cassette di pesche di Giaccio Frutta, la quarantaduenne è stata intervistata dal Corriere della Sera  e il concetto su cui ha insistito più volte è stato quello di un futuro sostenibile.

Mercoledì scorso la catena distributiva ha presentato il suo primo Bilancio di Sostenibilità , in cui indica ai suoi fornitori la strada da seguire. E Marina Caprotti, sulle colonne del Corsera, spiega: “Siamo sempre più consapevoli che se le aziende non faranno della sostenibilità uno dei punti cardine della loro strategia difficilmente potranno prosperare nel lungo periodo: sono i consumatori stessi, sempre più sensibili ai temi sociali e ambientali, che ce lo chiedono”.

questo di seguito è il link alla pagina dell’articolo su il corriere della sera:

https://www.corriere.it/economia/finanza/20_ottobre_10/sostenibilita-spingera-ripresa-pubblico-privato-lavorino-insieme-5bccfeba-0a5e-11eb-86ad-2b1b791a9e6a.shtml

Read More

Giaccio Frutta, le fragole diventano solidali

In questo momento difficile anche il packaging può essere di aiuto, sopratutto se trasmette un messaggio positivo ed è, allo stesso tempo, solidale. Come le nuove confezioni di fragole della Op casertana Giaccio Frutta: con il loro acquisto, parte del ricavato viene donato al team dell’Ospedale Cotugno di Napoli, uno dei più impegnati nella lotta contro Covid-19.
“Sulle nostre confezioni si legge #andràtutto bene: è un messaggio di speranza e i consumatori lo stanno apprezzando molto – spiega a Italiafruit Antonio Giaccio, della Op Giaccio Frutta – L’idea di usare questo tipo di packaging, composto da carta riciclabile Fsc, è nata in colalborazione con l’azienda Campania Packaging. Per ora stiamo utilizzando questa confezione per valorizzare la linea premium delle nostre fragole, che è distribuita nei punti vendita della Grande distribuzione in Campania: da quando l’hanno introdotta, le vendite sono aumentate subito. Per la stagione delle drupacee contiamo di utilizzare il vecchio packaging, nella speranza che tutta questa assurda situazione sia solo un ricordo lontano”.

Campagna fragolicola, trend e criticità“In concomitanza con le feste pasquali, la campagna si è un po’ risollevata e stiamo ‘respirando’ – commenta Antonio Giaccio – abbiamo avuto un aumento degli ordini di circa il 40%. Fino a qualche settimana fa, c’era tanta produzione e un conseguente calo delle vendite”.“Stiamo avendo problemi di manodopera in campagna – conclude – perché le persone che venivano dall’estero non ci sono. Alcuni stagionali sono riusciti a passare prima del blocco ma sono troppo pochi, mentre chi è rimasto fuori sta chiamando per poter lavorare, ma è impossibile farli entrare. Stiamo cercando di risolvere questo problema presentando le nostre richieste tramite la Coldiretti, per ora non ci siamo rivolti ai centri per l’impiego. Non è facile trovare da un momento all’altro manodopera per la raccolta delle fragole: serve personale specializzato, preferibilmente femminile considerato che le donne riescono ad eseguire un lavoro più veloce e allo stesso tempo preciso”.

Read More